Consigli per la progettazione della stampa 3D Polyjet

Di seguito sono riportati suggerimenti e consigli di progettazione essenziali durante la progettazione per la stampa 3D Polyjet.
Polyjet printed part

La stampa 3D Polyjet è un metodo di stampa 3D fotopolimero rigido che produce componenti polimerizzando strato per strato un fotopolimero liquido fino a formare il pezzo. Questa tecnologia di stampa 3D è altamente accurata ed è in grado di realizzare stampe multicolore e multimateriale. Per sfruttare appieno le capacità del Polyjet, è necessario prestare particolare attenzione alla prima fase del processo, la progettazione.

Volume, pareti e dimensioni dei particolari

Xometry Europe consiglia le seguenti dimensioni durante la progettazione per la stampa 3D Polyjet.

  • Spessore minimo della parete: sebbene la stampa 3D Polyjet possa produrre pareti più sottili, consigliamo uno spessore minimo della parete di 1 mm, indipendentemente dal supporto, dal tipo di materiale o dal carico previsto. Lo spessore minimo assicura che la parete non solo sia stampabile ma possa anche sopportare la rimozione del supporto, la finitura, l’imballaggio e la spedizione.
  • Volume massimo: i partner di stampa Polyjet di Xometry possono produrre pezzi di dimensioni fino a 490 mm x 391 mm x 200 mm. I pezzi più grandi possono essere suddivisi in diverse parti più piccole che possono essere stampate separatamente e assemblate in seguito.
  • Dimensioni minime dei particolari: d’altra parte, la nostra stampa 3D Polyjet può produrre particolari fino a 1,2 mm in qualsiasi direzione per i materiali rigidi e 2 mm per le loro controparti simili alla gomma.

Tolleranza

Il Polyjet è uno dei processi di stampa 3D più accurati. Questa tecnologia deposita strati con uno spessore di 0,004 mm, molto più sottili di un foglio di carta. Produce tolleranze fino a ±0.1 mm per le prime decine di mm e ±0.05 per i successivi mm.

Pezzi incastrati

Polyjet può stampare assiemi perfettamente funzionanti con parti mobili di accoppiamento. Per evitare che tali pezzi si fondano durante la stampa, si consiglia di lasciare uno spazio minimo di 0,5 mm tra le parti.

Assiemi

Gli assiemi grandi o complessi vengono solitamente stampati come pezzi separati che vengono assemblati dopo la stampa. Le zone dei pezzi che devono venire a contatto dovrebbero avere una tolleranza minima di 0,6 mm. Questo serve per adattarsi all’attrito, di cui i programmi software CAD di solito non tengono conto nei modelli 3D con adattamento perfetto. Il gioco dà spazio alla colla necessaria per quando gli assiemi vengo creati incollando i pezzi. Si consiglia inoltre di aggiungere rilievi e fessure alle superfici di accoppiamento piatte per aumentare l’integrità del giunto.

Strutture di supporto

Le strutture di supporto sono necessarie quando si stampano elementi fluttuanti e qualsiasi geometria sporgente. Polyjet non ha angoli di sbalzo autoportanti. Se è presente una parte a sbalzo, è necessaria una struttura di supporto. Nella stampa Polyjet, le strutture di supporto possono essere stampate da un materiale solubile in acqua appositamente formulato. Ciò rende la rimozione della struttura di supporto tanto facile e veloce quanto il risciacquo del pezzo in acqua. Utilizzare strutture di supporto solo quando necessario, in quanto il materiale può contribuire in modo significativo al costo finale del prodotto.

Fori e perni

La stampa 3D Polyjet è in grado di stampare fori. Tuttavia, si consiglia di progettare fori con diametri di punta standard e di eseguire i fori dopo la stampa. Quando la stampa dei fori è fondamentale, si consiglia un diametro minimo di 0,5 mm. Questo diametro è consigliato anche per perni non funzionali. Per i perni funzionali utilizzare un diametro minimo di 2 mm. Un’ altra opzione è quella di utilizzare perni già pronti.

Dettagli incisi e in rilievo

Consigliamo un minimo di 0,5 mm sia per la profondità sia per lo spessore dei dettagli incisi. Per i dettagli in rilievo sono invece consigliati uno spessore minimo di 0,8 mm e un’altezza minima di 0,5 mm.

Conversione del formato del file di stampa da CAD a 3D

La progettazione per la stampa 3D non si esaurisce con la preparazione del modello CAD 3D. La conversione dal formato di file CAD a un formato di file di stampa 3D appropriato è una considerazione fondamentale per la progettazione. STL è il formato di file di stampa 3D più diffuso. Tuttavia, questo formato di file contiene solo dati di geometria. La stampa 3D Polyjet è in grado di realizzare stampe multicolore e multimateriale. Per sfruttare questa capacità, utilizzare formati di file appropriati come OBJ e 3MF in grado di memorizzare dati di geometria, colore, texture e materiale. Maggiori informazioni sui diversi formati di file di stampa 3D e le loro caratteristiche.

Conclusione

In Xometry Europe, offriamo servizi di stampa 3D Polyjet veloci, affidabili e altamente accurati. Attraverso il nostro motore di quotazione istantanea e la nostra rete di oltre 2.000 produttori, garantiamo un processo di produzione dei pezzi senza interruzioni, dal preventivo alla consegna a domicilio.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments